Cadeo: «Basta polemiche Ecco i nostri progetti verdi»

Dieci progetti per l’ambiente a Milano. Ci sono già e «fanno parte integrante del Piano del verde da affiancare al Pgt». A ricordarlo l’assessore Maurizio Cadeo che non ci sta a far passare il Comune per spregiudicato cementificatore. «Evidentemente nessuno ha letto con attenzione il nostro lavoro», accusa. In programma la connessione diretta fra la stazione di Porta Genova, il parco Solari e il parco lineare fino a San Cristoforo, connessione protetta fra le aree del parco delle Basiliche e il sistema del verde lungo i corsi d'acqua del Sud Milano, valorizzazione del parco di Teramo in connessione con il parco delle Risaie, del parco Alessandrini in connessione con il corridoio Paullese e Montecity, del parco di Trenno, del sistema ambientale del parco delle Cave. E poi infrastrutturazione verde di viale Certosa, area Arco della Pace e Asse Sempione, di corso Buenos Aires, potenziamento del corridoio fiume Lambro, del parco di Muggiano. Raccolta da Cadeo anche la proposta del presidente della commissione Verde Fabrizio De Pasquale per individuare un'area per la realizzazione di un nuovo grande parco urbano. E la Moratti? È tranquilla. «Sul Pgt nessuno stop. E nessuna frenata» assicura. «Abbiamo solo dato il tempo per gli approfondimenti». E una frecciata a palazzo Isimbardi. «Nel documento di piano pubblicato in luglio c’era già un articolo che prevedeva che i piani di cintura, e quindi anche l’area che riguarda il Parco sud, dovessero essere elaborati dalla Provincia. Perché di loro competenza. Noi non abbiamo cambiato nulla».