Cadeo:«Presto vertice per decidere dove sorgerà»

Maurizio Cadeo, assessore comunale, Milano ha fatti passi da gigante sul fronte rifiuti: dall’emergenza di tredici anni fa all’impianto Denox. E, poi, c’è la Provincia che dice sì ai termovalorizzatori. Sorpreso?
«Finalmente dice con chiarezza quello che noi abbiamo sempre sostenuto, ovvero specifica con quali mezzi raggiungere l’obiettivo dell’autosufficienza. Filippo Penati comprende seppur in grave ritardo che la raccolta differenziata non è alternativa alla termovalorizzazione ma che i due metodi devono crescere di pari passo, come già avviene nel resto d’Europa».
È già stata localizzata l’area dove costruire il nuovo impianto?
«Lo decideremo la prossima settimana in una riunione tra Comune, Provincia e Regione. Non c’è ancora nessuna decisione sul sito ma dovrebbe essere in zona Sud».
Perché a Sud e, ad esempio, non a Nord o Ovest o, ancora, a Est?
«Il nuovo impianto deve essere posizionato in luoghi dove è minimo l’impatto del traffico, cercando cioè di ridurre la distanza tra i punti di raccolta e il termovalorizzatore».
Naturalmente, assessore, con il consenso della popolazione...
«Una volta per tutte, stiamo offrendo la necessaria e doverosa informazione corretta e scientificamente provata sull’impatto che i moderni impianti hanno soprattutto sotto il profilo della salute pubblica».
Una risposta concreta al «grillismo»?
«Da buoni milanesi non ci siamo mai seduti sugli allori ma abbiamo sempre inseguito soluzioni tecnologiche che migliorassero le performance. La riprova è nell’impianto inaugurato oggi (ieri per chi legge, ndr) dove il sistema di abbattimento delle emissioni riduce ulteriormente del 60 per cento tali valori».
Be’, assessore Cadeo, il modello Milano va però declinato anche con il decisionismo.
«I milanesi possono dormire tranquilli, tra due guanciali: siamo riusciti persino a convincere Penati... ».
\