Caduta rovinosa per il gruppo in fuga In volata Fedrigo beffa Commesso

La fuga. Dopo 30 chilometri, sei corridori scattano in fuga. Sono Canada, Kessler, Verbrugghe, Aerts, Fedrigo e Commesso, due volte campione italiano su strada tra i professionisti e già artefice di due successi di tappa nelle passate edizioni del Tour. Guadagnano fino a 4 minuti sul gruppo, vantaggio che alla fine verrà quasi interamente rosicchiato.
La caduta rovinosa. Mancano 40 chilometri all’arrivo, i sei corridori sono ancora in fuga. Tra questi, lo spagnolo David Canada, il tedesco Matthias Kessler e il belga Rik Verbrugghe. I tre sono protagonsiti di una spettacolare caduta, dovuta al fondo stradale insidioso. Verbrugghe addirittura va a sbattere contro un guard-rail e finisce fuori dalla carreggiata, procurandosi una frattura a una gamba. All’ospedale finisce anche Canada, con una clavicola fratturata. Solo Kessler ne esce indenne e riprende la gara.
La volata finale. Ci arrivano in due: il francese Fedrigo e l’italiano Salvatore Commesso, entrambi in fuga da 130 chilometri. Il gruppo li ha ormai raggiunti e li tallona da vicino. Commesso è davanti, il transalpino sta a ruota, pronto per la volata e, negli ultimi duecento metri, piazza lo scatto decisivo e va a vincere la tappa.
Lacrime italiane. Quelle di Totò Commesso al traguardo, dopo essersi fatto sfuggire di mano la vittoria. Una tappa da protagonista la sua, culminata con la volata persa. Poi, il pianto disperato. «Non riesco ad imbroccarne una, ogni volta che penso di farcela c’è qualcuno che mi batte. Succede sempre così», l’amaro sfogo di fronte alle telecamere, prima che i compagni di squadra e dello staff della Lampre si precipitino a portarlo via.
All’arrivo: 1 Fedrigo (Fra), in 4h 14'23’’; 2 Commesso (Ita) st; 3 Vandevelde (Usa) a 3’’; 6 Garzelli (Ita) a 7’’; 12 Cunego (Italia) s.t.; 30 Landis (Usa) s.t.; 151 Simoni (Ita) a 20’ 02’’.
Classifica generale: 1 Pereiro Sio (Spa), 64h05'04’’; 2 Landis (Usa) a 1'29’’; Dessel (Fra) a 1'37’’; 27 Caucchioli (Ita) a 13’ 04’’; 33 Cunego (Ita) a 18’ 01’’; 52 Simoni (Ita) a 37’ 58’’.
Oggi: riposo. Domani: Gap-L’Alpe d’Huez, 187 chilometri.