Al Caffé Latinum si riscoprono i classici

L’appuntamento è per mercoledì 14 quando, alle 17, presso gli eleganti locali del Caffé S. Mateus al Ducale, in salita San Matteo, inizierà ufficialmente l’attività del Caffé Latinum, un caffé letterario nel quale, con cadenza mensile, ci si incomtrerà per leggere e discutere passi di autori greci e latini, particolarmente coinvolgenti per la loro forza artistica e la loro capacità di orientarci nella nostra attualità.
Il primo incontro comunque non sarà aperto solo ai soci, ma anche a chiunque fosse interessato all’iniziativa. La giornata prevede la consegna ai soci delle tessere 2007, la lettura e commento in comune di un passo di Seneca e l’annuncio delle proposte di iniziative future.
L’iniziativa del Caffé Latinum nasce nel Centrum Latinitatis Europae, presieduto a Genova dal professor Andrea Del Ponte. «La speranza - dice Del Ponte - è quella di riuscire a innescare una nuova sensibilità umanistica, in questi tempi spesso così disumani...».
Il Centrum Latinitatis Europae nasce nel 1999 ad Aquileia, in provincia di Udine, con lo scopo di dedicarsi alla salvaguardia, alla diffusione e alla reinterpretazione delle culture classiche. Da allora il Cle si è rapidamente diffuso in Italia (dove si contano oltre 20 sezioni in tutte le regioni), ma anche in Europa, dove è presente ad Atene (Grecia), Berlino (Germania), Linz (Austria) e Lodz (Polonia). E ovunque sono state organizzate conferenze con seminari, concorsi, pubbliche letture e corsi di studio.
Attuale presidente del Cle è il professor Rainer Weissengruber il quale, nonostante sia di lingua madre tedesca, conosce benissimo l’italiano e da diversi anni è legato alla nostra cultura.
Del resto, per i suoi stessi contenuti, il Centrum Latinitatis Europae, sta diventando un punto aggregante tra città diverse. Infatti da Udine a Reggio Calabria, gli incontri organizzati dal Cle sono sempre più frequentati da un pubblico giovane che porta avanti l’idea di un’Europa unita dalla cultura, che riesca a superare le vecchie tensioni tra nord e sud, tra est e ovest.
È da queste premesse che nasce la fondazione di una rivista scientifico-didattica sull’insegnamento delle lingue classiche con sede a Montella (Avellino), in collaborazione con l’Accademia Vivarium Novum.
Per i prossimi anni il Cle intende organizzare manifestazioni di vario tipo dedicate a queste finalità e comunque operare in sintonia con il mondo universitario e scolastico.