Cagliari-Reggina finisce a cazzotti

da Cagliari

La Reggina espugna il Sant'Elia nel delicato scontro salvezza con il Cagliari, cominciato con l'uno-due firmato Lucarelli-Tedesco e terminato con una rissa fra i giocatori nel tunnel degli spogliatoi. Il parapiglia è nato dopo che alcuni giocatori del Cagliari hanno aspettato il rientro degli avversari, che si erano recati sotto il settore riservato agli ospiti per festeggiare la vittoria, per «vendicarsi» degli insulti ricevuti da Abeijon. L'uruguaiano, ha detto a Tedesco: «Insultami pure, dimmi che sono una schiappa, ma non toccarmi mia figlia malata». Alcune frasi poco simpatiche sulla situazione familiare di Abeijon (che ha una bimba di sei anni nata con una malformazione) hanno scatenato la rabbiosa reazione di Langella e Lopez che hanno tentato di colpire Tedesco.\