Il Cagliari ringrazia il «fattore B»

Cagliari. Il fattore B (Biondini-Budel) per allontanare lo spettro della retrocessione serie B. Il Cagliari vince la sfida salvezza con il Messina, grazie ai gol dei suoi centrocampisti, entrambi al primo centro in serie A; la squadra sarda compie un bel passo in avanti in classifica, distanziando quella siciliana di sei lunghezze, un margine non definitivo ma importante psicologicamente.
Una partita a senso unico, dominata dai rossoblù di Giampaolo, desiderosi di riscattare il k.o interno con il Chievo. Il Messina resiste solo pochi minuti: sembrano partire forte i siciliani, spinti anche dal vento a favore, ma crollano già al 12', quando Suazo lancia Capone sulla sinistra, assist in scivolata del numero 10 verso Biondini che, in corsa, insacca sotto la traversa di sinistro. Il raddoppio giunge al 24', grazie a Budel con un un gran sinistro dai 25 metri, deviato di testa da Zoro, che inganna Paoletti. Il Messina non riesce a reagire e il Cagliari controlla facilmente la gara, sprecando, nella ripresa, numerose occasioni in contropiede, specialmente con Suazo, rimasto all'asciutto proprio nel giorno della sua 100° gara in A.