Cagni sfoglia l’album dei ricordi

Federico Casabella

Anche alla vigilia di una sfida di campionato, non cessano le indiscrezioni di mercato intorno all'ambiente blucerchiato. Dopo le voci arrivate da Roma che vedrebbero Flachi e la Lazio prossimi ad un accordo, c'è un altro giocatore che potrebbe fare le valigie. Ieri, il procuratore di Max Tonetto ha fatto sapere che la prossima settimana sarà quella decisiva per il rinnovo del contratto: «Se non si chiude con la Sampdoria,- ha detto Roberto Sistici- il giocatore valuterà altre soluzioni». Le due più accreditate si chiamano Lazio e Fiorentina.
Intanto domani, la Samp ritrova un tecnico che a Genova, sulla sponda blucerchiata, ha lasciato uno dei rimpianti più grandi della sua carriera, nel campionato di serie B 2000/01 quando, con una squadra non attrezzata, sfiorò la promozione nella massima serie: Gigi Cagni. Ad Empoli i blucerchiati sfideranno un tecnico che la Samp se la porta nel cuore, ma da uomo di calcio sa che spesso, i sentimenti vanno messi da parte, almeno per 90 minuti. «In questi giorni non sono certo andato a sfogliare l'album dei ricordi. Bella esperienza quella della Samp, s'intenda, ma oggi il mio pensiero si chiama Empoli ed una salvezza da conquistare sul campo».
Una squadra decimata al "Castellani", Novellino deve anche modificare il modulo dal 4-4-2 al 4-5-1. Sarà una Samp rinunciataria?
«Novellino è uno che le gare le prepara bene. Se gioca con due attaccanti vedremo una Sampdoria aggressiva, se mette solo Flachi proveranno il contropiede. Comunque ci sono anche Kutuzov e Foti, giocatori di spessore. Noi faremo la nostra partita, tutta grinta e carattere».
Samp ed Empoli vivono due realtà opposte: a Bogliasco la mancanza di risultati ha minato la serenità dell'ambiente. L'Empoli, con la cura Cagni, appare in gran forma.
«Sottovalutare la Sampdoria sarebbe un errore enorme. Noi abbiamo una squadra di grande volontà, formata da giovani di valore. Loro contano anche dei fuoriclasse».
Tra questi un certo Flachi che lei lanciò alla ribalta dopo stagioni opache. Pper lui si parla della Lazio nel prossimo campionato, farebbe bene a cambiare aria?
«A Francesco riaccesi la lampadina. Succede che i giocatori si perdano ed il compito di un bravo tecnico è saper farli ritrovare. E' una delle migliori seconde punte in Italia: dovrà scegliere in base ai suoi stimoli».
Nella sfida Novellino- Cagni Lei le ha sempre prese: si contano 1 pareggio e 4 sconfitte.
«La più amara fu quel 2-1 a Piacenza con la Sampdoria. Perdemmo immeritatamente dopo aver dominato la gara ed essere andati in vantaggio: a noi costò la promozione. In A quel giorno finirono loro, è uno dei miei più grandi dispiaceri calcistici». Ieri la squadra si è allenata a Bogliasco. Tutti in gruppo tranne Colombo che salterà la trasferta di Empoli. A dirigere la gara è stato chiamato Paparesta di Bari.