Cainero interprete di «Giraladinamo» al Nuovo Studio Foce

Questa sera al teatro Nuovostudiofoce di Lugano parte la «Rassegna di arti comiche». Giraladinamo, in scena oggi, è uno spettacolo con Ferruccio Cainero che propone un’atmosfera dolce e ironica sull’infanzia e sulla vita, ricca di divertimento ma anche di nostalgia; fatto di storie e di canzoni, chiude un trittico comprendente Grandinavan le palle nemiche e Mulini a vento.
«In questo spettacolo – spiega Cainero - mi dichiaro conta-cantastorie, uno che racconta storie meravigliose e fantastiche ma vere: non m’invento nulla, perché la vita a saperla guardare è piena di momenti incredibili e sorprendenti. Raccontando fatti normali della mia vita dunque si canta, ci si commuove, si ride, ci si emoziona. Nello spettacolo sono uno che gira il mondo raccontando storie. E quando arrivo in un posto nuovo, come sempre accade, mi si chiede da dove vengo. Solo che se Ulisse diceva di venire da Itaca tutti restavano a bocca aperta, mentre se lo dicessi io qualcuno certamente mi direbbe “Sì, bella Itaca, ci sono stato in ferie l’altro anno”».
Cainero narra la sua infanzia a Udine negli anni Sessanta, prosegue con i ricordi della vita da clown in giro per l’Europa e introduce una svolta drammatica: il terremoto del Friuli.