Cala il mercato Ue dell’auto ma Fiat ora sfiora quota 10%

In Europa settore in frenata del 3,2% Balzo di Toyota

da Milano

Il mercato dell’auto di febbraio ha fatto bene alle vendite Fiat, e anche al titolo del Lingotto che ieri ha guadagnato il 2,2% con scambi intensi (quasi il 5% del capitale) dopo che è stato comunicato il consuntivo del mese: il mercato dell’Europa occidentale ha avuto una battuta d’arresto e ha perduto il 3,2% sul febbraio del 2006. In Europa occidentale nello scorso mese sono state vendute poco più di un milione di auto, contro le 223.504 collocate sul mercato italiano, che è cresciuto del 5,7 per cento. A febbraio, oltre al calo del 15,1% della Germania, si registrano contrazioni del 3,2% nel Regno Unito, dell’1,8% in Francia e del 4,4% in Spagna. «Questi risultati, conseguiti a parità di giorni lavorati, indicano indubbiamente una situazione di difficoltà del mercato automobilistico europeo. E l’andamento negativo di febbraio interessa, oltre ai mercati nazionali più grandi, anche quasi tutti i mercati minori con poche eccezioni» ha commentato ieri il Centro studi Promotor. In controtendenza, oltre all’Italia (grazie soprattutto agli incentivi), i dieci Paesi che hanno aderito per ultimi all’Unione Europea e che registrano aumenti delle vendite. E in questo scenario il gruppo italiano è salito al 9,8% dall’8,8% di gennaio e dall’8,9% del febbraio dello scorso anno, confermando così un trend di crescita e mantenendo la quinta posizione davanti a Renault che si è fermata all’8,3 per cento. Il gruppo torinese ha realizzato una crescita del 6,3% nelle vendite di febbraio, che hanno raggiunto le 98.044 unità. Nel mese di gennaio le vendite di Fiat Group Automobiles avevano invece segnato un rialzo del 4,8%, mentre nei primi due mesi del 2007 il progresso è stato del 5,7% (a 206.487 unità). A trainare il Lingotto è stato soprattutto il mercato italiano, ma anche la Gran Bretagna (dove Fiat è cresciuta dello 0,3%) e la Spagna (sempre più 0,3%).
In Francia la quota Fiat è rimasta stabile rispetto a un anno fa (3,5% del mercato), mentre in Germania c’è stato un calo dello 0,6 per cento. Ovviamente i due modelli Fiat più venduti sono stati Panda e Punto, mentre non si è ancora fatto sentire l’effetto della Bravo.
Continuano le difficoltà della Renault, che nello scorso mese ha perso in Europa il 13,2% rispetto a un anno fa, con un 10% in meno sui due primi mesi dell’anno. In netta crescita invece i giapponesi della Toyota che realizzano un balzo del 17,4 per cento.