Calati della metà i furti nel Paese

Dal ricovero del premier israeliano Ariel Sharon, lo scorso mercoledì notte, il numero dei furti, da quelli di automobili a quelli con scasso nella abitazioni private, negli uffici, nei negozi e in istituti di vario tipo, è sceso di oltre il 50%, passando da 1.739 nello stesso periodo del 2005 a 865. Lo riferisce il quotidiano Maariv, e il dato è stato confermato anche dalla polizia. Una possibile spiegazione è che gli israeliani stanno in casa per seguire in tv le notizie sulle condizioni del premier. La seconda è che forse anche una parte dei ladri sono preoccupati per Sharon. La terza è che in momenti di grave crisi, come guerre o disastri, la società israeliana ritrova la sua unità e solidarietà.