Calcio, accordo tra Aic e Lega A Lo sciopero è saltato: si gioca

Sia Lega sia Aic lasciano trasparire ottimismo dopo l'incontro di oggi: la soluzione è vicina. Il presidente della Figc Abete: "Giovedì incontro decisivo, ma le parti sono vicine. Verso la revoca"

Roma - "Ci sono tutte le condizioni perché si possa procedere alla revoca dello sciopero. Giovedì ci sarà un approfondimento tecnico per la firma. Ci avviamo dunque a sottoscrivere il nuovo contratto collettivo e, soprattutto, alla revoca dello sciopero". Così il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, si è espresso al termine della riunione con Aic e Lega, confermando come la fumata bianca sia ormai alle porte.

L'Aic "Si va verso la revoca dello sciopero". Ad annunciarlo è stato il presidente dell'Aic, Sergio Campana, al termine dell'incontro in Federcalcio con il presidente della Figc e i rappresentanti della Lega di A. "L'accordo sui sei punti c'é - ha aggiunto -. Sui fuori rosa c'é una riserva da parte della Lega. Stasera non possiamo annunciare ufficialmente la revoca dello sciopero, anche se abbiamo fatto grossi passi avanti. C'é ottimismo. Domani sentiremo i calciatori e credo ci siano buone possibilità per raggiungere l'accordo". Queste le parole del presidente di Campana. "Abbiamo confermato la nostra disponibilità sui sei punti - ha aggiunto il presidente dell'Assocalciatori - le soluzioni che abbiamo trovato sono condivise. Sul settimo punto, quello dei fuori rosa, c'é stata una riserva della Lega, mentre sull'ottavo non se ne discuterà più, perché è contrario alla legge 91, e per questo è stato accantonato". Poi però, l'avvocato Campana specifica meglio il concetto sui fuori rosa. "Sugli allenamenti separati - precisa - la nostra linea è nota. La condizione che poniamo per raggiungere un accordo completo è che questa norma resti com'è, con il diritto dunque per i giocatori di allenarsi con la prima squadra. Sui fuori rosa il presidente Abete ha suggerito una soluzione, e cioé di lasciare per il momento il testo immutato, con la possibilità di approfondire la norma nel corso della stagione".

La Lega A "La firma del nuovo contratto collettivo non posso escludere che avvenga già giovedì prossimo. Di certo siamo a un passo dall'accordo". Così il presidente della Lega di serie A, Maurizio Beretta, ha commentato positivamente l'incontro di oggi in Federcalcio con i rappresentanti dell'Aic e col numero 1 della Figc, Giancarlo Abete. "Credo sia molto probabile la revoca dello sciopero dell'Assocalciatori" ha detto Beretta, all'uscita dal palazzo della Figc in via Allegri. "Oggi è stata una giornata di lavoro molto positiva - ha spiegato - anche perché finalmente siamo entrati nel merito delle questioni. Sui sei punti c'é l'accordo e questi saranno scritti in maniera condivisa. Sul settimo, quello dei fuori rosa, stiamo andando verso una soluzione, peraltro da noi sempre sostenuta, che non dia nessuno spazio ad atti discriminatori e che preveda delle sanzioni in caso di violazioni. Al momento - ha precisato il presidente della Lega di A - lasceremo la formulazione attuale con il diritto per i calciatori di allenarsi in prima squadra, ma con un mandato ad Abete di definire chiaramente quali siano le tipologie in cui si configurano discriminazioni e quindi sanzioni".