Calcio, all’Arena il mondiale dei senzatetto?

Sono 56 i Paesi coinvolti. In lizza anche Bombay

La sede potrebbe essere l'Arena Civica. Il campo, mobile, lo ha già progettato una studentessa del Politecnico. Fresca vincitrice dell'Expo 2015, Milano è in corsa per ospitare nel 2009 un evento assai meno noto, ma dal forte valore sociale: l'«Homeless World Cup», un campionato di street soccer (una sorta di calcetto in cui si sfidano squadre di 4 persone) riservato a «senza dimora» e persone svantaggiate. Lanciato a Graz, nel 2003, dalla Rete internazionale dei giornali di strada, il torneo, che ha migliorato la vita del 70% degli atleti coinvolti, si è rapidamente affermato: a Melbourne, a dicembre, sono attesi 500 atleti di ben 56 Paesi. Per il 2009 Milano compete con Bombay. Con buone chance di vittoria. «I requisiti ci sono tutti - sorride Mel Young, presidente della Homeless World Cup Foundation -. E poi ha due tra le squadre di calcio più famose al mondo». Il responso si avrà a fine maggio, ma «noi speriamo di farcela» sottolinea Massimo Acanfora, presidente dell'associazione «Milano Myland», anima del comitato promotore di cui fa parte pure la Figc. Intanto, per l'Italia, al torneo parteciperà Nuova Multietnica, squadra composta soprattutto da immigrati, già due volte vincitrice della coppa.