Calcio batte sesso Il nuovo vocabolario dei giovani sul web

Ecco cosa si cerca su internet: Carla Bruni supera Monica Bellucci, Grillo sconfigge Celentano e Berlusconi lascia indietro Prodi. Googletrends svela le tendenze degli italiani, città per città

Chi si dedica alla navigazione via Internet e trova nei motori di ricerca la bussola per il proprio orientamento, sono i giovani. Dunque, questo è il presupposto da cui iniziare. In secondo luogo, esaminando le coppie di parole si può formulare una sintesi concettuale. Per esempio: Grillo-Celentano sono i moderni tribuni; cliccare prevalentemente Grillo e non Celentano significa la perenne attualità della contestazione giovanile.

E così, continuando il gioco, la vittoria di Berlusconi su Prodi significa il fascino del carisma. La Bruni sulla Bellucci è l’indimenticabile mito che unisce bellezza e potere. La pasta sulla pizza: fantasia in cucina. Perugia su Garlasco: l’intrigo internazionale è più interessante di quello provinciale. Scamarcio su Raoul Bova: bravo lo scrittore Moccia che sa far sognare i giovani. Roma su Milano: purtroppo è la verità. L’aborto sulla pena di morte: problemi drammatici, ma più discusso quello che riguarda da vicino, perché, grazie al cielo, la pena di morte è lontana da noi. Il calcio sul sesso: l’ossessione del sesso è lasciata agli anzianotti. Il seno batte il sedere: ci viene in aiuto il dottor Freud. Il legame materno è difficile da recidere.

Il quadro rappresenta un disegno semplice da comprendere, proprio per la sua coerenza e compattezza. I giovani, se proprio si sentono di seguire un tribuno della plebe, scelgono quello più concreto, quello che parla con il loro linguaggio e dice ai politici ciò che molti vorrebbero dire, anche tra i non più giovani.

Sarà un ragionamento viziato e di parte, ma, francamente, come fa un giovane ad essere incuriosito dai balbettii e dai sospiri malinconici di Prodi? È evidente che interessa di più l’imprevedibile e vulcanico Berlusconi: potrà non piacere ed essere criticato, ma almeno c’è la possibilità di discutere su qualcosa e non sul niente.

La Bruni ha un curriculum di amanti straordinario, e Sarkozy è un colpo magistrale della seduzione internazionale: ovvia la sconfitta della bambolona Bellucci che non cambia espressione neppure di fronte a uno tsunami.

Se ci fermiamo qui, abbiamo già l’immagine ben definita di un navigatore Internet che bada al sodo, che non si lascia sfuggire l’attualità, che rimane attratto dalle figure carismatiche sia politiche, sia quelle che pervadono il rutilante mondo del glamour, della moda.

Interessante la predilezione per Roma e per Scamarcio. I giovani vogliono vivere in una città che li coinvolga con le più diverse iniziative, che li faccia divertire e riflettere, sognare con i libri di Moccia interpretati da Scamarcio. Una vita intensa, in grado di promettere e mantenere. Non si vuole la sopravvivenza in città immalinconite o, peggio, ostili. È bello questo desiderio di vita, come è importante che l’aborto sia un argomento di discussione sentita in modo più attuale della pena di morte che, non riguardandoci, finirebbe inevitabilmente per toccare temi biologici, astratti.

Si consideri anche come l’omicidio di Garlasco incuriosisca meno di quello di Perugia che ha tra i suoi tragici protagonisti giovani che vengono da altri Paesi, che sorprendono per le loro vite sbandate e apparentemente perfette, in cui si mescolano ricchi studenti e poveri extracomunitari.

Infine il sesso: i giovani lo vivono oggi con molta più semplicità e ironia dei loro genitori, e sono disincantati al punto di essere perfettamente consapevoli che un derby, se non si guarda, è perso, mentre l’amore si può sempre fare.

In questo quadro di concretezza e di amore per la vita c’è anche un avvertimento: attenzione a ingannare i giovani, non ci cascano.