Calcio e politica, gli sportivi proclamino lo sciopero bianco

Le recenti dichiarazioni sui diritti televisivi non possono lasciare indifferenti i tifosi che dovrebbero manifestare con uno sciopero bianco per liberare il calcio dalle intromissioni politiche. Il calcio sta già passando un momento particolarmente difficile e tormentato. Non vedo perchè alcuni presidenti lo debbano anche ridurre ad una «bega» politica.
Noto, infatti, nel presidente della Fiorentina Diego Della Valle e il presidente della Sampdoria RiccardoGarrone una insofferenza particolare che li spinge sul terreno della politica.
È legittimo avere spirazioni differenti da quelle solite e rivolgere la propria attenzione anche ad altri interessi. Anzi ritengo sia venuto il momento, per entrambi, di «scendere in campo» e provare in prima persona l'avventura politica, gà dalle prossime elezioni.
Come politico sarei lieto dei nuovi colleghi e come tifoso mi sentirei più sicuro nel sapere la mia società calcistica impegnata solamente ai successi sportivi. Per aiutare questi potenziali politici «in erba» al grande salto, propongo ai tifosi tutti di manifestare già dalla prossima domenica il loro apprezzamento magari con uno sciopero bianco.
Vicepresidente della Commissione Trasporti
Camera dei Deputati