Calcio, Milano campione anche in spiaggia

A Terracina finale campionato ai rigori: battuto il Lignano

Primavera 2007. Inter campione d’Italia, Milan campione d’Europa: i tifosi rossonerazzurri non avrebbero potuto chiedere di meglio alla Madonnina. Che - nonostante i continui di trionfi - ha voluto concedere il tris. Lontana dalla Scala del Calcio - teatro degli acuti vincenti dell’Inter dei record - e dallo stadio Olimpico di Atene - dove l’undici di Ancelotti ha vendicato la nottataccia di Istanbul - la buona stella delle squadre milanesi alle scarpette da calcio ha preferito le infradito e all’erba di San Siro, la dorata sabbia del Beach Stadium di Terracina. E così in una calda serata di metà agosto il Milano si è laureato campione d’Italia di beach soccer, battendo in una finale al cardiopalma la Coil Lignano Sabbiadoro, dimostrando che - nonostante l’asfalto e il grigiore cittadino - Milano ci sa fare con rovesciate e colpi spettacolari persino in riva al mare. Dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi sul risultato di 3 a 3, il quintetto guidato da Ramperti si è imposto solamente grazie ai tiri dai 9 metri: decisiva è stata la respinta di Pagani su Sguazzin che ha regalato a Milano il secondo alloro consecutivo, per una vittoria che profuma molto di rossonero. Nelle file del Milano, infatti, milita anche Ludovico Costacurta, fratello di Alessandro «Billy», uno che con la casacca del Milan ha fatto - letteralmente - scorpacciate di vittorie.