Calciomercato nel mirino di Borrelli

Francesco Saverio Borrelli non riesce proprio a stare fermo e si è immediatamente attivato alla notizia di incontri di calciomercato al di fuori della sede istituzionale, che è l'Atahotel Quark di Milano. Borrelli ha tenuto ieri una riunione proprio al Quark per esaminare la situazione. Ne ha dato notizia un comunicato dell’Adise (Associazione italiana direttori sportivi), cui è delegato il compito di organizzare il calciomercato, e che ha partecipato alla «riunione tecnica» col capo dell’Ufficio indagini, denunciando il comportamento della Gea di Alessandro Moggi che svolge l’attività del calciomercato non nella sede regolamentare, ma in un altro albergo milanese, non lontano dalla Lega. Alla riunione - che aveva per oggetto le regole di accesso alla fase della campagna trasferimenti 2006/07 - hanno partecipato, oltre a Borrelli, anche uno dei suoi vice, Eugenio De Feo, e il collaboratore Luigi Bisignano insieme a Giorgio Rovati (Serie C) e al presidente dell’Adise, Carlo Regalia, con i vice Garzelli, Molinari e Calabrò. È possibile un deferimento per i tesserati Gea.