Calcioscommesse: i pm di Siracusa indagano su 2 giocatori del Catania

Il sospetto inquietante del calcio scommesse torna a minare la credibilità della serie A. La Procura di Siracusa ha aperto un fascicolo su un presunto giro di scommesse su alcune partite dello scorso campionato. L’inchiesta coinvolgerebbe l’ex portiere e capitano del Catania, Armando Pantanelli, ceduto dalla società siciliana, in serie B, all’Avellino a fine agosto scorso, e Gianluca Falsini (nella foto), terzino di fascia, attualmente al Catania. Le partite sotto inchiesta sarebbero Catania-Ascoli (conclusasi 3-3) e Sampdoria-Catania (1-0 per i doriani), gare del girone di ritorno e con il Catania impegnato nella lotta salvezza. Non si sono fatte attendere le smentite da parte dei due giocatori. Pantanelli dice di essere venuto casualmente a conoscenza della vicenda e nega qualsiasi coinvolgimento in questioni di calcio scommesse. «Io non ho mai scommesso in vita mia» afferma invece Falsini, peraltro, come egli stesso ha ricordato, non impiegato nella due gare incriminate. L’avvocato di Falsini ha detto che il calciatore è stato minacciato di morte da due ultras del Catania, ieri mattina prima dell’inizio degli allenamenti.