Caldaia difettosa: muoiono due ragazzi

Due ragazzi italiani sono morti la notte scorsa a Liegi, in Belgio, uccisi dal monossido di carbonio. Le esalazioni provenienti dallo scaldabagno della casa, alla periferia della città, sono state fatali a Sofia Fanfani, 20enne di San Casciano Val di Pesa, in provincia di Firenze, e di Aldo Pullara, un musicista ventiduenne di Agrigento.
A scoprire i cadaveri dei due, il fratello del giovane, anch’egli intossicato dalle esalazioni. Il ragazzo si trovava in Belgio per lavoro mentre Sofia, studentessa all’Università per Stranieri di Siena, era a Liegi da settembre con il programma Erasmus. Proprio poche ore prima Sofia aveva mandato un sms alla madre per dirle che si trovava a casa di Aldo.