Calderoli choc: "Maiale-day contro le nuove moschee"

Il vicepresidente leghista del Senato scende in campo con una provocazione contro l'Islam. E propone di "far fare una passeggiata al mio maiale dove dovrebbero costruire la moschea di Bologna. A Lodi ha funzionato". L'imam di Napoli: "Se si lava, poi si può costruire"

Roma - Il vicepresidente del Senato, il leghista Roberto Calderoli, ha detto di mettere il suo maiale a disposizione del comitato contro la costruzione della moschea di Bologna, per ripetere quello che aveva fatto a Lodi. Lanciando anche la proposta di un "Maiale-day" per evitare la costruzione delle moschee. "A fronte dell’inversione di rotta dell’amministrazione comunale bolognese - ha detto Calderoli - che ha dato il via libera alla realizzazione di una nuova grande moschea, metto personalmente fin da subito a disposizione del comitato contro la moschea sia me stesso che il mio maiale per una passeggiata sul terreno dove si vorrebbe costruire la moschea, esattamente come a suo tempo feci in quel di Lodi, dove la fatidica moschea non è mai stata realizzata in quanto il terreno, dopo la passeggiata del mio maiale, fu considerato infetto e pertanto non più utilizzabile. È visto che dalle nostre parti c’è ne piena l’aria potremo organizzare in futuro il maiale-day, ovvero concorsi e mostre per i maiali da passeggiata più belli da tenersi nei luoghi dove chiunque pensi di edificare non un centro di culto ma il potenziale centro di raccolta di una cellula terroristica".

L'imam di Napoli: "La moschea si può costruire lo stesso" "Il deputato della Lega Roberto Calderoli si sbaglia sul maiale-Day, secondo la Sharia si può costruire la moschea sul terreno assegnato dal comune di Bologna anche dopo la sagra paesana che vuole organizzare. Basta lavare la zona con un pò di acqua per far ritornare tutto puro come prima". È la risposta dell’Imam della moschea napoletana di Piazza Mercato, Yasin Gentile, alla provocazione di Calderoli.