Calderoli e i tagli alla Nazionale Abete: "Sono soldi della Fifa"

<strong><a href="/interni/calderoli_calciatori_riducete_ingaggi/07-06-2010/articolo-id=451084-page=0-comments=1">L'invito del ministro Calderoli</a></strong>: &quot;Riducete gli ingaggi&quot;. Il presidente della Figc: &quot;E' un dibattito più di politica che
di sport in senso stretto&quot;

Roma - "E' un dibattito più di politica che di sport in senso stretto, noi siamo in linea con la politica di gestione dei costi del Coni e su questa linea vogliamo andare avanti". Così il presidente della Figc Giancarlo Abete interviene sulla polemica innescata dal ministro della Semplificazione legislativa Roberto Calderoli: "I premi derivano dalla risorse ricavate dalla Fifa".

I premi della Fifa Il presidente della Figc spiega che "eventuali premi derivano dalla risorse ricavate dalla Fifa e non avrebbero nessun aggravio sul bilancio dello Stato. Sul problema dei premi - aggiunge Abete ai microfoni di Radio Anch’io lo sport - non si è assolutamente parlato, è un problema che onestamente non è stato affrontato". "La federazione - assicura il presidente della Figc - è molto attenta alla gestione del bilancio federale. La dirigenza sportiva è molto attenta agli emolumenti e abbiamo sempre dato il buon esempio". Per quanto riguarda l’allarme sicurezza in Sudafrica "c’è una attenzione notevole - ha spiegato Abete - noi siamo molto tranquilli e sappiamo che tutto quello che è possibile fare sarà fatto".

Il caso marchisio "E' un video poco decifrabile, ma fare un processo alle intenzione mi sembra esagerato. Le dichiarazioni fatte da Marchisio sono chiare e mi fermerei qui", puntualizza Abete spiegando che quello legato al labiale del giocatore azzurro in un video su Youtube che lo ritrae mentre canta l’inno nazionale prima dell’amichevole con la Svizzera è un "caso inesistente". Nel video si vede Marchisio che, tra la sorpresa di alcuni compagni divertiti, dice qualcosa al momento di cantare il brano "he schiava di Roma". Dopo le polemiche su De Rossi ecco quelle sul giocatore della Juventus: "Tra Marchisio e De Rossi è diverso - sottolinea Abete - De Rossi nella stessa giornata si è scusato e immediatamente giustificato. La situazione di Marchisio mi sembra inesistente, le polemiche nel calcio sono fondamentali ma diamogli il giusto peso".