Caldo e afa, consumi elettrici alle stelle

Torna l'emergenza. Dopo un periodo fresco, ondate di calore al Centro-Nord. Crescono i consumi elettrici: previsto il superamento di quota 55.000 Mw, record di giugno

Milano - Dopo un periodo di relativa quiete, è tornato il caldo. E con l'afa sono tornati a salire anche i consumi di energia elettrica, che s avvicinano nuovamente ai massimi del 2007. Pochi minuti prima di mezzogiorno la domanda di elettricità ha superato i 53.000 Mw, riprendendo il cammino verso quei circa 55.000 Mw sfiorati il 26 giugno scorso. La richiesta, superiore ai 53.000 Mw, ha iniziato a diminuire poco dopo mezzogiorno, quando i consumi hanno cominciato a scendere.

Verso nuovo i 55.000 Mw Le previsioni meteorologiche per i prossimi giorni non presentano miglioramenti. Anzi, è previsto che i consumi elettrici continueranno a salire fino a raggiungere il record annuale di 55.600 Mw dello scorso 27 giugno. È soprattutto l’afa che avvolge le Regioni del Nord, quelle a maggior tasso di utilizzo di condizionatori e refrigeratori, a far temere che possano essere ritoccati i massimi storici. Al momento, comunque, non sussistono rischi per la stabilità e la sicurezza del sistema elettrico.

Il Nord sotto l'afa Tornano le ondate di calore sull’Italia, ma le temperature non raggiungeranno i livelli di fine giugno, quando si sono avuti anche 45 gradi. Il livello 3, il più alto nella scala, è previsto a Bologna e Pescara nella giornata di mercoledì, mentre già da domani l’allerta è al livello 2 per Roma, Milano, Torino, Verona, Campobasso, Napoli e Trieste. Temperature nella norma, invece, per quanto riguarda Brescia, Firenze, Bari, Palermo, Catania, Genova, Venezia e Cagliari. Nei prossimi giorni - come segnala il sistema di rilevamento delle ondate di calore consultabile sul sito della Protezione Civile - si avranno così temperature alte soprattutto sull’Italia centro-settentrionale e nelle ore centrali della giornata, che potrebbero creare problemi alla salute della popolazione a rischio: anziani, assuntori di farmaci e bambini.