Caldoro segretario del Nuovo Psi: «Avanti con la Cdl»

Roma. Non una scissione ma una divisione politica. E a guidare l’anima del Nuovo Psi vicina al centrodestra sarà Stefano Caldoro, eletto segretario all’unanimità. Se Gianni De Michelis e Alessandro Battilocchio puntano alla Costituente con lo Sdi, Caldoro ha invece riunito i suoi 904 delegati al Jolly hotel Midas di Roma, ribadendo l’alleanza con la Cdl. «Continuiamo sulla strada tracciata da Costa, Turati, Nenni e Bettino Craxi», ha spiegato il deputato Lucio Barani. E Caldoro ha ribadito: «Noi abbiamo fatto una scelta di campo, netta e chiara. Siamo alleati della Cdl contro il governo Prodi, un governo delle tasse e delle controriforme. Non cambiamo linea». Caldoro, 47 anni, è stato viceministro dell’Università e della Ricerca e ministro per l’Attuazione del Programma durante i governi Berlusconi e dall’ottobre 2006 era coordinatore del Nuovo Psi. Quanto allo strappo di De Michelis, l’ex ministro precisa che «Gianni ha cambiato opinione. La sua scelta è legittima, ma non la condividiamo. Non c’è lo spazio politico vitale per noi socialisti nel centrosinistra. A maggior ragione adesso che scenderà in campo Veltroni. La sua candidatura renderà ancora più difficile, se non impossibile, il progetto della Costituente socialista».