Calissano e la droga Arrestati a Genova spacciatori senegalesi

Sono stati arrestati dalla Polizia gli spacciatori che fornirono all'attore Paolo Calissano la cocaina per il tragico festino del 25 settembre scorso nella sua casa genovese, durante il quale morì per un'overdose la ballerina brasiliana Ana Lucia Bandeira Bezerra, di 31 anni. Si tratta di quattro senegalesi che hanno continuato fino a pochi giorni fa a rifornire di droga i locali notturni genovesi. La squadra mobile della questura di Genova ha così concluso le indagini sull'episodio. Calissano, tuttora ospite della comunità di recupero per tossicodipendenti «Fermata d'autobus», di Trofarello (Torino), comparirà giovedì 23 marzo davanti al gip del tribunale di Genova per rispondere dell'accusa di aver provocato la morte della sua ospite come conseguenza di altro reato, cioè la detenzione di cocaina. Il pm Silvio Franz ha chiesto il rinvio a giudizio dell'attore anche per detenzione di stupefacenti a fini di cessione a più persone in almeno sei episodi.