Call-center al setaccio

Immigrazione clandestina e normative anti-terrorismo: controlli a tappeto dei carabinieri a Roma. Nel mirino degli inquirenti soprattutto una decina di call-center del centro storico, in particolar modo quelli posizionati tra l’Esquilino e la stazione Termini, frequentati soprattutto da extracomunitari.
Un’operazione portata avanti durante tutta la giornata di martedì e che ha visto impeganti settanta uomini della compagnia Centro e dell’Ottava Brigata Lazio. I militari hanno fermato e identificato oltre quaranta persone di varie nazionalità.
Due cittadini algerini e un romeno sono stati arrestati per il mancato rispetto dell’ordine del questore di Roma di lasciare il territorio nazionale. Per altri undici extracomunitari sono state avviate le procedure per l’espulsione dal territorio nazionale. Nel corso dei controlli sono stati inoltre denunciati a piede libero quattro cittadini bengalesi per avere venduto prodotti con marchi contraffatti. Nell’occasione, i carabinieri hanno sequestrato un centinaio di borse e una settantina di occhiali con falsa griffe.