In calo gli assicurativi

Deboli tutti i mercati azionari, anche Piazza Affari ha subito una notevole dose di realizzi che hanno accentuato il carattere riflessivo degli indici, con una correzione media che si attesta intorno allo 0,8%, mentre il Midex arretra solo dello 0,2%. Stabilizzati gli scambi, anche ieri poco al disotto dei 4 miliardi. Protagonista della giornata il titolo Fiat, che ha chiuso però in calo dello 0,4%, ma al centro di una altalena tra 11,75 ed il finale di 11,42; notevole il volume degli scambi, pari al 2,4% del capitale. Se le «risparmio» sono apparse pure in tensione, spostamenti significativi si sono avuti per le holding Ifi privilegiate (più 3,2%) ed Ifil (più 3,4%). Moti di assestamento per Intesa e Sanpaolo, mentre in questo comparto emerge ancora Banca Lombarda (più 2,9%) ritenuta come una possibile preda di raiders stranieri. Il tono negativo in sede europea del comparto assicurativo ha penalizzato i titoli italiani, dalle Generali che arretrano dell’1,6%, mentre Unipol arretra di oltre il 3% nonostante i positivi risultati di alcune controllate. L’incontro odierno di Tronchetti Provera con Murdock ha affondato Pirelli (meno 2,5%), cede pure TiMedia, ma tiene Telecom (più 0,4%). Resistenti le utilities.