In calo in luglio anche il mercato dell'auto usata (-3,26%)

I dati di CarNext (LeasePlan Italia). Marchio più venduto nei primi setti mesi del 2010 è stato Fiat. Alfa Romeo, invece, è il brand che fa registrare l'incremento più elevato. Nella classifica dei primi 15, Ford si piazza al secondo posto davanti a Volkswagen

In luglio le vendite di autovetture usate (trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture) sono state 394.050 con un calo del 3,26% rispetto allo stesso mese del 2009. Questo dato consente di meglio interpretare l'andamento di questo mercato che nel primo semestre del 2010 non è stato ben definito in quanto caratterizzato da variazioni sia positive che negative che hanno portato il consuntivo a fine giugno a chiudere con un incremento piuttosto contenuto (+0,68%). Il dato di luglio (che riduce a 0,08% l'incremento dei primi sette mesi del 2010) sembra accreditare l'ipotesi di una evoluzione negativa del mercato dell'usato dopo la sostanziale stagnazione del primo semestre, stagnazione che va letta comunque in chiave positiva se si considera che il 2009 aveva fatto registrare risultati negativi per il mercato dell'usato.
Secondo Franco Oltolini, direttore generale di CarNext (società specializzata nella vendita di auto usate provenienti dalle flotte in noleggio a lungo termine di LeasePlan Italia), «uno stimolo alla ripresa del mercato può certamente venire dall'offerta di usato di qualità che non manca in questo momento sul mercato. In particolare, strutture specializzate come CarNext, offrono vetture assolutamente affidabili per quanto riguarda la funzionalità, la legittima provenienza, il fatto di essere state sottoposte con regolarità a programmi di manutenzione programmata».
Venendo ai dati per marca, il marchio più venduto sul mercato dell'usato nei primi setti mesi del 2010 è stato Fiat. I trasferimenti di proprietà sono stati infatti 694.283 con una crescita del 3,13%. Il primato di Fiat anche nel mercato dell'usato è ampiamente scontato perché Fiat è il marchio più diffuso in Italia e naturalmente ha una quota sul parco circolante sensibilmente superiore a quella di tutti gli altri marchi. Tale quota è pari al 29,39%.
Al secondo posto nella graduatoria delle vendite di auto usate nei primi sette mesi si colloca Volkswagen con 176.683 trasferimenti di proprietà e un calo del 3,29%. Al terzo posto c'è Ford con 156.506 trasferimenti di proprietà e un calo del 5,85%. Nella classifica dei primi 15 marchi del parco circolante italiano Ford è invece al secondo posto con una quota del 7,43%, ma immediatamente seguita da Volkswagen che è al terzo posto, con una quota pari a 7,17%.
Considerando di nuovo i trasferimenti di proprietà, seguono al quarto e quinto posto, rispettivamente Mercedes (147.146 trasferimenti) e Lancia (145.603 trasferimenti), entrambe in calo rispetto ai primi sette mesi del 2009 (rispettivamente -2,05% e -7%). Al sesto posto si colloca Opel (con 137.092 trasferimenti e una contrazione del 5,54%) e al settimo Renault (136.241 trasferimenti e un calo del 12,32%). All'ottavo posto Bmw con 132.259 trasferimenti di proprietà, fa registrare un aumento del 3,25%, mentre al nono posto Alfa Romeo con 118.085 trasferimenti di proprietà, è il marchio che fa registrare l'incremento più elevato di tutti, ben il 12,33%. Segue Audi al decimo posto con 99.872 trasferimenti ed un calo del 2,39%, mentre le ultime cinque posizioni dei primi 15 marchi sono rispettivamente di Peugeot, Citroën, Toyota/Lexus, Smart e Nissan che fanno però tutti registrare un incremento rispetto alle vendite dei primi sette mesi del 2009.