Cambia il punto di vista spuntano bellezze nascoste

Il Castello Sforzesco, visto così, sembra una zattera alla deriva su onde di foglie verdi. Se ne sta lì, possente, squadrato, incastrato in un anfiteatro di strade e palazzi che raccontano tutte le storie, gli amori e le battaglie accadute da quelle parti. Osservati dall'alto, anche il Duomo o l'Arco della Pace o la Stazione Centrale cambiano fisionomia: più silenzio, più confronto, e niente a sporcare la visuale, nelle giornate serene. Questo spettacolare viaggio aereo sopra la città ci viene offerto dalla rassegna «Milano. Emozioni dal cielo», aperta da domani fino all'8 giugno presso White Star Adventure, piazza Meda angolo piazza Belgioioso. Le immagini, tutte di grande formato, sono esposte negli spazi esterni, sul porticato antistante questa nuova e ricchissima libreria di viaggio, geografia, arte e avventura. Sono state realizzate durante un lungo reportage aereo dal fotografo Marcello Bertinetti, già autore di «Italia Emozioni dal Cielo», mostra di grande successo allestita qualche mese fa nella zona pedonale di via Dante.
I monumenti, fermati dallo sguardo attento di Bertinetti, sembrano massicci alpini, aspri e immacolati. È la prospettiva del piccione sulla piazza, quella che ci viene offerta. Privilegiata e singolare. Molto diversa da un tour cittadino in perfetto stile giapponese, tutto bandierine, ombrellini e macchine fotografiche puntate verso le vetrine. In questo modo si prendono le debite distanze dalle cose, scoprendo nuovi mondi. Dall'alto si riescono a scorgere senza fatica le bellezze nascoste di una metropoli caotica, tenuta in considerazione ormai soltanto per la sua operosità e per gli affari. Invece i capolavori artistici meneghini emergono dal mucchio, come macchie colorate nel grigio di un campo d'asfalto. Colta dall'obiettivo di questo fotografo, la Rotonda della Besana ricorda l'armonia di un fiore, di quelli panciuti, che stanno lì a ornar le carte da gioco, mentre lo Stadio Meazza e l'Ippodromo si presentano con una tale imponenza da far girare la testa. E poi c'è la modernità senza tempo del Pirellone o quella futuribile della nuova Fiera Rho-Pero. Ci sono Sant'Ambrogio e i Bastioni di Porta Venezia, la deliziosa piazza Piola o Porta Ticinese, il rettilineo dei Navigli e il Carcere di San Vittore, che da quassù mostra dei bracci a raggiera che lo fanno somigliare a un ventilatore. In fondo è affascinante, Milano. Un incanto aggraziato, da scoprire a piccoli morsi. Dal mare dei suoi tetti fa emergere parchi rigogliosi, musei e teatri, antiche chiese, ariose prospettive e snodi cruciali che hanno ospitato la nostra storia. Una gran fortuna, poterci volare sopra. Gli scatti esposti, e molti altri, sono contenuti nel libro «Milano e Lombardia - Emozioni dal Cielo» di Edizioni White Star. Per ulteriori informazioni, tel. 02.89051500; www.wsadventure.com