«Cambiare la tangenziale, uno spreco di soldi»

«Modifiche al tracciato della Tem? Sarebbe un passo indietro di tre anni». Giuliano Asperti mette un punto fermo sul futuro della Tangenziale est esterna e avverte che «il percorso già approvato dal Cipe, accoglie le richieste di modifiche prescritte nel 2003 dalla Regione e le osservazioni puntuali dei Comuni». Modificare significa «buttare tempo e denaro». Spiegazione che l’amministratore delegato offre alla Provincia, che vuol fare valere la sua partecipazione nella società Tem per «inserire le modifiche al tracciato messe a punto dall’assessorato ai Trasporti e votate all’unanimità dai sindaci» come sostiene Filippo Penati. Peccato che «quell’unanimità» sia fittizia: «I sindaci non sono tutti d’accordo e non vogliono infrastrutture miraggio» rivela il verde Monguzzi.
E mentre l’inquilino di via Vivaio pubblicizza il pullman ProXPro insieme a Victoria Cabello, la BreBemi fa sapere che «il progetto non si cambia». Un’altra smentita diretta a Penati che sperava in un passo indietro di BreBeMi.