«Cambiaso Risso ha diritto di partecipare alla Coppa»

Esplode la polemica nel mondo della pallacanestro genovese, e non solo, dopo che la Cambiaso Risso è stata estromessa dalla Coppa di Lega nonostante abbia raggiunto il secondo posto del girone di qualificazione. Un piazzamento che, a termini di regolamento, le doveva consentire l’ingresso nel concentramento finale. Ma la Federazione «ha cambiato le regole in corsa», come sostiene il presidente della società, Guido Fertonani , il quale «dopo l’irregolare e incredibile eliminazione della squadra dalla Coppa» si fa portavoce del malumore di dirigenti, tifosi e addetti ai lavori che hanno subito lo stesso torto. Come abbiamo scritto ieri su queste pagine, infatti, la Cambiaso Risso Pallacanestro si era qualificata al concentramento finale della competizione come tra le migliori seconde, ma il cambio in corsa del regolamento da parte della Federazione - «senza alcuna spiegazione» - ha scatenato la polemica. Da qui il reclamo che la società «Effe2000 Cambiaso Risso Genova» ha inviato alla Fip e alla Lega. Al momento, però, rimasto senza riscontro.
Eppure, il tono del ricorso alla Procura della federazione è perentorio e il merito degli argomenti estremamente documentato. La società, iscritta al campionato maschile Serie B girone C - spiega la nota - è stata penalizzata «da una vistosa anomalia». Seguono in dettaglio tutti i «passaggi» del regolamento cambiati in corso d’opera dalla Lega, «premiando e qualificando solo i vincitori dei rispettivi gironi». Venivano comunque ammesse ai concentramenti le squadre che vincevano il rispettivo girone e le migliori tra le seconde classificate. Salvo poi stabilire «fuori le seconde!» e spazio solo alle vincitrici del girone e alle meglio classificate nei due gironi dove ci sono squadre di C1 e B eccellenza. La richiesta è quindi quella di sospendere la seconda fase della Coppa finché non sia chiarita tutta la faccenda.