Cambiasso: «Una gara perfetta Un segnale a tutto il campionato»

da Milano

«Una partita praticamente perfetta», dichiara Esteban Cambiasso a fine gara. Forse esagera, ma ci va molto vicino: «La perfezione per noi è importante, così come era importante vincere e fare i tre punti in casa per dare un segnale a tutto il campionato». Chiedono all’argentino se il campionato ormai è segnato, e lui: «Abbiamo una mentalità che ci fa pensare a una gara alla volta, adesso pensiamo al Torino». L’infortunio di Dacourt potrebbe costringere l’Inter a tornare sul mercato: «Pensavo fosse uno stop di 40 giorni - dice Mancini -, così le cose cambiano, vediamo se è il caso di prendere un mediano». Sulla partita Mancio cerca di essere il più leggero possibile: «Siamo andati quasi subito sul 2-0 e allora tutto è diventato più facile». Mancini intanto è stato convocato in tribunale a Firenze il 27 marzo prossimo nell’ambito del processo a quattro tifosi viola accusati di violenza privata per averlo costretto con le minacce a rassegnare le dimissioni nel 2002 da allenatore della Fiorentina. Ieri si è tenuta la seconda udienza e Mancini doveva essere presente in aula ma la concomitanza con Inter-Lazio gliel’ha impedito.
A Pavia, infine, è stato operato Olivier Dacourt in seguito all’infortunio al ginocchio subito nella gara contro la Fiorentina. Nel corso dell’intervento Dacourt è stato sottoposto alla ricostruzione del legamento crociato e per il francese è probabile uno stop molto più lungo dell’iniziale ipotesi di poche settimane. Il francese resterà fuori almeno sei mesi, costringendo probabilmente l’Inter a tornare sul mercato per trovare un incontrista di centrocampo. L’intervento di Dacourt comunque è durato circa due ore, è perfettamente riuscito ed è stato effettuato dal professor Francesco Benazzo.