come cambierà LA GIUSTIZIA

Sulla riforma della giustizia stanno lavorando gli uffici del ministero di via Arenula, ma il confronto sulla bozza con le varie componenti della maggioranza e poi con i rappresentanti di magistratura e avvocatura deve ancora iniziare. A settembre il Guardasigilli Alfano ha annunciato che il testo sarà pronto, ma prima bisognerà trovare l’accordo nel Pdl sui vari punti, che registrano ancora posizioni differenziate tra i partiti della maggioranza. Intanto, sulla questione dell’immunità parlamentare che avrebbe costituito comunque un provvedimento costituzionale a parte, si è deciso di soprassedere dopo le resistenze della Lega e le perplessità di An. All’idea di reintrodurre l’autorizzazione a procedere, ma con caratteristiche diverse da quella abolita nel ’93, però, Berlusconi non ha ancora rinunciato.