Cambio all’Istituto della saldatura

Nerina Sanna

Cambio al vertice per l'Istituto italiano della saldatura, ente di ricerca, formazione, certificazione e assistenza tecnica che ha la sua sede a Genova: il mese scorso, l'assemblea generale dei soci ha nominato l’ingegner Ferruccio Bressani nuovo presidente, con decorrenza immediata e fino al 2009.
Bressani subentra nella carica all'onorevole Roberto Formigoni, presidente della giunta regionale della Lombardia, che, dopo dodici anni di presidenza «e per il proficuo lavoro svolto» - come sottolinea una nota dell’istituto - è stato nominato presidente onorario.
Il nuovo presidente è figura nota nel mondo dell'imprenditoria nazionale e internazionale; nel recente passato, fra l’altro, è stato direttore generale di Ansaldo Energia, prima di assumere la carica, che ricopre attualmente, di amministratore delegato di Ansaldo Superconduttori, ramo di azienda privatizzato e acquisito dal Gruppo genovese Castel che fa riferimento alla famiglia Malacalza.
Inoltre, l'ingegner Bressani ricopre la carica di amministratore delegato in altre società dello stesso gruppo, di importanza strategica per l'economia italiana; tra queste, Sima (che si occupa di impianti ausiliari per le macchine rotanti delle centrali elettriche), Tectubi (leader nell'impiantistica industriale e nei montaggi) e Omba (che realizza grandi infrastrutture a livello mondiale).
Bressani conosce a fondo anche le realtà e le potenzialità dell'Istituto della saldatura, in quando fa parte del Comitato direttivo dell'ente dal 1993, e per sette anni ha ricoperto la carica di vicepresidente vicario.