«CambioConto» da 7 a 19 giorni

Una procedura semplificata e un’attesa che di solito non supera i 19 giorni lavorativi: è quanto serve per trasferire il proprio conto corrente da una banca a un’altra, sfruttando il servizio «CambioConto» inaugurato dalle banche aderenti al Consorzio PattiChiari. I tempi medi di chiusura rilevati - precisa Massimo Roccia, segretario del Consorzio - vanno dai 7 giorni lavorativi per un conto corrente con carta Bancomat, ai 12 riscontrati quando è presente un dossier titoli, ai 19 necessari di norma nel caso di conti con carta di credito. Sono dati che confermano l’impegno dell’industria bancaria per facilitare e rendere più efficienti i servizi ai clienti, i quali possono non solo confrontare in modo semplice l’offerta sui costi, ma anche servirsi di uno strumento che agevola le procedure di chiusura del conto». Per chi decida in questo senso, ecco le mosse che scandiscono il passaggio a una nuova banca: innanzitutto è bene individuare i servizi usati abitualmente e il numero di operazioni compiute nell’anno, scegliendo quelli da riportare sul nuovo conto (ci si può servire di un elenco standard appositamente preparato) e procedendo quindi a trasferire i pagamenti periodici legati alle domiciliazioni bancarie, ciò che avviene in automatico. Poi, vanno annotati gli assegni emessi e non ancora addebitati e va consegnata in filiale la richiesta scritta della chiusura del conto restituendo le carte di pagamento e i libretti di assegni. Ulteriore facilitazione già pianificata, «entro la fine del 2007 la trasferibilità automatica sarà estesa a tutti i servizi che il cliente ha deciso di regolare sul proprio conto corrente».