La Camera sfida Bush: via le truppe dall'Irak entro settembre 2008

Washington - Per appena sei voti la Camera dei rappresentanti ha approvato la mozione che collega l'approvazione dei 124 miliardi di dollari richiesti da George Bush per la guerra, al ritiro delle truppe di combattimento entro il settembre del 2008.

«Il popolo americano ha perso la fiducia nel modo in cui il presidente sta conducendo questa guerra» ha detto prima del voto la speaker Nancy Pelosi. «Il popolo americano vede la realtà della guerra, il presidente no» ha aggiunto. La maggioranza democratica ha così ottenuto una vittoria nello scontro con la Casa Bianca sulla gestione del conflitto, sfidando Bush che ha affermato che un ritiro affrettato avrebbe conseguenze devastanti per la sicurezza dell'America e che ha già annunciato che metterà il veto su qualsiasi legge che il Congresso potrà approvare in questa direzione.