Cameron: "Sveglia Europa No al multiculturalismo di Stato, è un fallimento"

Il primo ministro conservatore britannico chiede che alla tolleranza passiva venga sostituito il liberismo attivo. "Abbiamo incoraggiato culture differenti a vivere vite separate"

Monaco di Baviera - E' la fine del multiculturalismo di stato. A sancirla è David Cameron, in un discorso a una conferenza sulla sicurezza a Monaco di Baviera. "Sotto la dottrina del multiculturalismo di stato, ha detto il primo ministro conservatore britannico, abbiamo incoraggiato culture differenti a vivere vite separate, staccate l’una dall’altra e da quella principale. Non siamo riusciti a fornire una visione della società alla quale sentissero di voler appartenere. Tutto questo permette che alcuni giovani musulmani si sentano sradicati. Invece di ignorare questa ideologia estremista, noi (governi e società) dovremo affrontarla, in tutte le sue forme. 

Dalla tolleranza al liberalismo Per Cameron è tempo di rimpiazzare la "tolleranza passiva" del Regno Unito con un "liberalismo attivo, muscolare", per trasmettere il messaggio che la vita in Gran Bretagna ruota intorno a certi valori chiave come la libertà di parola, l’uguaglianza dei diritti e il primato della legge. "Una società passivamente tollerante rimane neutrale tra valori differenti. Un paese davvero liberale fa molto di più. Esso crede in certi valori e li promuove attivamente".

L'attenzione al terrorismo "L’Europa deve svegliarsi - ha aggiunto Cameron - e comprender quanto sta succedendo nei suoi Paesi membri dobbiamo essere assolutamente chiari sulla matrice degli attacchi terroristici, ossia sull’esistenza di un’ideologia quale è l’estremismo islamico". Un’ideologia che non ha nulla a che vedere con l’islam, precisa il premier.