Camion contro auto: le vittime sono 7 fratelli

Erano tutti figli adottivi. Un familiare stroncato da un malore alla notizia

da Washington

Una tragedia incredibile, una famiglia distrutta. Erano tutti figli adottivi d'una stessa coppia i sette bambini e ragazzi d'età compresa tra i 21 mesi e i 16 anni morti mercoledì in Florida nell'incendio della loro auto rimasta coinvolta nello scontro tra un camion e uno scuolabus e incendiatasi.
L'auto era guidata da una ragazzina di meno di 16 anni, che non avrebbe potuto essere al volante, ma che non sembra avere responsabilità nella sciagura. Infatti, il camion che ha investito auto e scuolabus, fermi sul lato della strada, pare fosse in piena velocità e non sembra - secondo i primi rilievi della polizia - che l'autista abbia tentato una frenata.
Altri nove studenti a bordo dello scuolabus sono rimasti feriti: due sono in fin di vita, tre destano preoccupazioni. Al dramma si è poi aggiunto il decesso di un familiare dei sette bambini e ragazzi deceduti, vittima d'un malore quando gli è stata comunicata la notizia.
La tragedia è avvenuta a un centinaio di chilometri a sud-ovest di Jacksonville, a Lake Butler (nel nord della Florida). Le circostanze dell'incidente sono state chiarite solo dopo molte ore dalla polizia stradale locale. Restano, però, da accertare le responsabilità dell'autista del camion, che risulta avere precedenti per guida pericolosa, e da capire perché non ci fosse un adulto sull'auto della strage: la ragazzina al volante aveva il foglio rosa e stava portando fratelli e sorelle a casa da scuola per andare poi in chiesa, il tutto - pare - nel raggio di tre chilometri.