«La camisa negra» non parla di fascismo

«La mia canzone un inno al fascismo? Ma no, assolutamente no». Cade dalle nuvole il colombiano Juanes quando qui a Barcellona gli parlano del piccolo caso nato in Italia intorno a La camisa negra, la sua canzone diventata non solo un tormentone estivo ma anche un tormento sulle chat e sui blog di sinistra. La camisa negra (cioè la camicia nera) ha infatti scatenato gli ululati di chi ci ha visto l'immancabile apologia di fascismo. Però basta poco a Juanes, neostella del pop latino, per smontare la polemica: «È una canzone d'amore e dalle mie parti si dice che uno indossa la camicia nera quando è in lutto, ha perso l'amore». E se per caso qualcuno la contestasse lunedì, quando canterà La camisa negra al Festivalbar? «Non ci ho pensato».