Camoranesi altri gol da favola Ma è una Signora da thrilling

ATALANTA
5 CONSIGLI
Prende cinque sberle, qualcuna gliela evita l’arbitro. Gli restano gli occhi neri e forse qualche rimorso.
5,5 GARICS
Resta impallato sul primo gol, peccato perchè parte subito arzillo. Poi si smonta.
5 TALAMONTI
Non c’è mai quando serve. Svagatone.

4 PELUSO
Nella parte della bella statuina è un campione del mondo. Camoranesi se lo mangia, Trezeguet lo fa fesso ma, buon per lui, il guardalinee ha occhio lungo.
5 BELLINI
Un altro che deve aver preso una dose eccessiva di camomilla. Corre a perdifiato dietro a Caceres e son guai. Peggio quando dorme davanti al raddoppio di Camoranesi.
7 CERAVOLO
Un gran diavolo, che fa pure rima con il cognome. Sprinta e corre, fa venire il fiatone a Grosso e sempre il cuore in gola in fase difensiva. Il gol è uno splendore di bravura e abilità.
5 PADOIN
Tien bacchetta da buon direttore d’orchestra. Il gioco corre e scorre. Poi la Juve...
6,5 GUARENTE
Non è difficile farsi largo nella zona di Felipe Melo. Quando, poi, va al tiro Buffon sfodera il meglio del repertorio.
7 VALDES
Terzo gol del suo campionato, fiocchetto alla sua partita tutta sprint e sostanza. Tipico rompiscatole a tempo pieno. Quando te lo trovi fra i piedi sono dolori.
6 TIRIBOCCHI
Pronti via e si mangia Chiellini: niente male! Non va al gol ma è un bel bufalo.
5 DONI
Si limita a far regia d’attacco. Ma tra tacchi ed altro gioca sotto traccia.
All. Conte 6. Si vede la buona mano nel gioco. Difesa molle.
JUVENTUS
6,5 BUFFON
Decisamente non aveva l’influenza. Conte ha cercato di piegarlo col malocchio e lui ha risposto con un paio di parate da tagliar le gambe alla speranza.
5,5 CACERES
Miglior ala della squadra, sulla fascia vola che è un piacere e non ti fa mai mancare i cross. Peccato che l’abbiano ingaggiato per fare il difensore, attività alla quale è poco portato. Soffre troppo e sono guai.
6 CANNAVARO
Tempista ed attento fino al gol di Valdes. Stranamente ispirato. Ma per un tempo. Ad inizio ripresa cominciano gli svaghi.
6 CHIELLINI
Rischia di romper faccia a Consigli, poi quella sua davanti all’imbucarsi di Tiribocchi. Sbanda prima di rimettere la testa in partita.
6,5 GROSSO
Imbrocca due cross e si guadagna la serata. Velo pietoso sulle attitudini difensive. Con Ceravolo sono figuracce. Figuratevi un po’ ed è un campione del mondo.
5,5 POULSEN
Noioso nella sua ripetitività. Non ti regala quasi mai nulla più del minimo garantito.
6,5 FELIPE MELO
Il voto è al gol più che alla prestazione. Sfodera un destro che fa tintinnare tutti i campanellini natalizi. E poco prima aveva realizzato ma in fuorigioco. Almeno ha detto: ci sono. Però resta un palo senza luce. Corista, salvo nel gol.
8,5 CAMORANESI
Gol di testa e di piede, raffinatezze da champagne centellinato. Sembra Clint Eastwood nel vecchio western, non sbaglia mai un colpo. Ora poi gli ha preso questa vena da goleador ed è un killer spietato.
5,5 DIEGO
Il sinistro è uno stiletto e serve per il gol. Lavoro oscuro, ma non è quello che si pretende da lui. Cerca di infilare gioco e giocate, può dare di più. Anzi deve.
4,5 GIOVINCO
Sembra lì per caso. Una di quelle tipiche mezze cartucce da partita fra ragazzi che si presenta e dice: gioco anch’io? E gli altri: no, tu no. Imbrocca poco e niente, e quando ha palla fra i piedi viene sempre letteralmente scardinato dal terreno.
6,5 TREZEGUET
Il gol numero 167, quello grazie col quale acchiappa la leadership di Sivori, era in fuorigioco. Peccato, valeva il ricordo. Poi arriva quello vero ed è un bel souvenir.
All. Ferrara 6. Il gioco non entusiasma, lo salvano i giocatori di classe.

Arbitro: Morganti 6. Il guardalinee vede bene i fuorigioco. Si prende il merito.