Campagna esplosiva Ancora molotov contro la Lega Nord

Nuove intimidazioni alla Lega Nord. Da Udine al Veneto diverse sedi giovedì notte sono state prese di mira, con attentati dinamitardi e sassaiole. A Udine, sono state lanciate due bottiglie incendiarie contenenti benzina contro la sede del Carroccio di via Parini. Per fortuna non sono esplose e quindi non ci sono stati danni. Attacchi anche alle sedi della Lega di Spinea (Venezia), a Padova, nella zona stadio, e a Tombolo, sempre in provincia di Padova. E nei giorni scorsi attentati c’erano stati anche a Torino e Bologna. «È in corso una strategia contro la Padania e contro chi la rappresenta», tuona il ministro per la Semplificazione normativa e coordinatore delle segreterie del Carroccio Roberto Calderoli. Preoccupato anche il ministro alle Politiche agricole Luca Zaia: «Gli atti intimidatori compiuti simultaneamente contro alcune sedi della Lega sono un segnale allarmante per la dialettica democratica».