Campania, la ricetta Caldoro fa aumentare i posti di lavoro

Esulta il governatore Stefano Caldoro (nella foto): nell’ultimo anno nella «sua» Campania ci sono 30mila occupati in più. Non era mai accaduto durante l’era Bassolino. Il suo assessore al Lavoro, Severino Nappi ha reso noti i dati Istat: mentre cresce l’occupazione, il costo del lavoro è il più basso del Paese - senza toccare la retribuzione - grazie agli incentivi della giunta. Finora sono stati investiti 534 milioni di euro. La cifra di 270 milioni è stata destinata a politiche attive, come incentivi alle assunzioni e formazione. Altri 25 milioni sono stati impegnati per i servizi per il lavoro e 238 milioni per le politiche passive, come la cassa in deroga. CSpa