Campi nomadi, manca una strategia

Sgomberato ieri mattina il campo nomadi di Tor Pagnotta. Ridotto di un terzo dovrebbe essere smantellato entro la fine dell’anno. Dei 200 rom che lo abitavano, però, ne sono stati identificati solamente la metà. Gli altri, probabilmente senza permesso di soggiorno, ingrosseranno la popolazione di clandestini che vive in piccoli gruppi all’interno del Raccordo anulare. Il Campidoglio, ancora una volta, sembra non avere una strategia complessiva per affrontare il problema degli insediamenti di nomadi presenti nella Capitale.