Campi rom e baraccopoli, ecco le zone a rischio

Il vicesindaco Riccardo De Corato: «In alcune aree periferiche la sicurezza è un problema Servono altri agenti. Per favorire l’integrazione occorrono strutture e milioni di euro»

Milano vuole riprendersi Milano. La mappa delle aree dismesse, degli insediamenti nomadi, degli edifici dismessi e delle baraccopoli parla da sola.
«A chi continua ad assicurare che Milano è una città sicura e che non servono altri uomini delle forze dell’ordine, rivolgo un invito personale ad andarsi a fare un giro in certe zone periferiche, chiedendo il parere di chi, da quelle parti, ci abita - dichiara, in maniera un po’ provocatoria ma efficace, il vicesindaco con delega alla sicurezza, Riccardo De Corato -. Intorno alle roulotte e alle baraccopoli, infatti, ci sono insediamenti, negozi. E il Comune, da solo, non ha strumenti per promuovere e difendere la vivibilità in una città che ha 11 campi rom autorizzati, 27 baraccopoli, 26 vie con stazionamenti di nomadi, 21 aree e 72 edifici dismessi e pieni di degrado umano».
«Tuttavia non sono soltanto gli interventi che mancano: è l’assenza di una programmazione di questi interventi a fare la vera differenza. E quella viene dal governo. Anzi, dovrebbe venire dal governo che, in realtà, sembra disinteressarsi di Milano - insiste De Corato -. Sì, Roma continua a non voler parlare di emergenza per la nostra città. Ma non si pronuncia sull’arrivo incontrollato e giornaliero di romeni, ormai cittadini comunitari e quindi liberi di andare e venire come e quando vogliono. Mi assicuro personalmente che i vigili vadano a controllare la situazione pesante creatasi nelle aree dismesse. Anche il prefetto Gianvalerio Lombardi sta monitorando queste realtà».
«Milano ha fatto e sta facendo tutto quello che può: dopo il Comune di Firenze, la nostra città ha la spesa sociale più alta d’Italia - conclude il vicesindaco -. Con il sindaco Gabriele Albertini avevamo speso un milione di euro per il primo campo di via Triboniano. Adesso ne stiamo stanziando 500mila per il secondo campo e non dimentichiamoci il terzo campo al quale provvederà la Provincia. A chi parla d’integrazione rispondo che per integrare ci vogliono milioni e milioni di euro. A chi li deve togliere il Comune di Milano? Agli anziani? Ai disabili? E intanto abbiamo dai 4 ai 6mila nomadi, dai 60 agli 80mila clandestini...».