Campi rom setacciati

Dalle 5 di ieri mattina controlli a tappeto al campo rom di Tor di Quinto e negli insediamenti abusivi lungo il Tevere. Il servizio della Polizia dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso pubblico della Questura di Roma rientra nel progetto «Partecipa alla Sicurezza» e viene eseguito all’indomani dell’aggressione che è costata la vita a Giovanna Reggiani. Controllati complessivamente 78 baracche e 75 romeni, dei quali 17 sono stati portati all’Ufficio immigrazione della Questura di Roma. I controlli si sono svolti in due insediamenti: uno alla stazione ferroviaria di Tor di Quinto l’altro in via Foce dell’Aniene. Nel primo insediamento sono stati 40 i romeni controllati e 35 le baracche trovate. Sei romeni, privi di documenti sono stati accompagnati all’Ufficio immigrazione. Nel secondo insediamento le baracche controllate sono state 43 e 35 i romeni, dei quali 11, senza documenti, accompagnati all’Ufficio immigrazione. In entrambi i campi i poliziotti hanno trovato 16 bambini, sei nel primo e dieci nel secondo. I genitori, però, non hanno voluto l’aiuto offerto dalle forze dell’ordine.