«Campi rom vietati per legge»

Basta campi nomadi in Lombardia: dopo le moschee, nel mirino dell’assessore regionale al Territorio Davide Boni ci sono appunto loro, i campi nomadi. Fra le prossime 40 modifiche al testo unico regionale sull’urbanistica una riguarderà appunto queste aree, che dovranno diventare di transito (con la possibilità di fermarsi al massimo tre giorni), oppure essere inseriti nei piani regolatori. Lo ha confermato ieri mattina lo stesso Boni partecipando ad un incontro pubblico organizzato presso l’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele.
«I campi oltre i 10mila metri quadrati dovranno essere inseriti nei piani di governo del territorio - ha spiegato l’assessore - per il resto ci saranno solo aree di transito per i camper, dove si potrà restare tre giorni».
Le ultime modifiche sulla legge al territorio sono in votazione da inizio mese in Consiglio regionale. Il centrosinistra ha deciso di fare ostruzione su alcune norme, come quella che istituisce un'autorizzazione comunale obbligatoria per l'apertura di luoghi di culto, così come sulla norma che regola gli anni di salvaguardia ambientale del territorio. L’approvazione definitiva della prima parte del testo dovrebbe arrivare nelle sedute programmate all’inizio del mese prossimo.\