Il Campidoglio affiancherà Telethon: «Siamo benzina nel motore della ricerca»

PROTOCOLLO Obiettivo promuovere iniziative sul territorio per sensibilizzare i romani alla lotta alle malattie genetiche

La speranza di guarire non l’ha mai abbandonato. E ieri, dopo la firma del protocollo di intesa siglato, in aula Giulio Cesare, tra Comune e Fondazione Telethon - l’organizzazione che da venti anni raccoglie fondi per la cura delle malattie genetiche - si è accesa ancora di più per un quindicenne romano, Marco Terrazza. Che, affetto da distrofia muscolare spinale e costretto su una carrozzina, accompagna le parole del sindaco Gianni Alemanno con il sorriso fiducioso di chi ha voglia di vincere la sua battaglia per la vita. «Obiettivo del documento - spiega il primo cittadino - è la promozione di iniziative sul territorio a sostegno della ricerca scientifica. Ci affianchiamo con onore al percorso di solidarietà di Telethon che, grazie alle terapie geniche messe punto dai suoi ricercatori, è riuscita a conseguire traguardi importanti». Alemanno lancia, poi, un appello di solidarietà alla cittadinanza: «La macchina organizzativa comunale, composta da 61mila persone, porterà benzina al motore della ricerca scientifica. Al tempo stesso, esorto i romani a raccogliere la sfida di Telethon nella lotta contro le malattie genetiche e a impegnarsi con generose donazioni». Esprime soddisfazione per l’accordo siglato con l’amministrazione capitolina, il presidente di Telethon, Luca Cordero di Montezemolo: «Quando una metropoli come Roma si mobilita, persino il mostro delle malattie genetiche non appare più invincibile. La Fondazione ha finanziato proprio nella capitale, in questi venti anni di attività, ben 358 ricercatori di eccellenza in oltre 20 istituti, per un totale di 33,3 milioni di euro». A testimoniare, ieri, la missione di Telethon, accompagnandola nel suo viaggio di altruismo e solidarietà, numerosi personaggi del mondo sportivo e dello spettacolo: Livia Azzariti, Nancy Brilli, Ninetto Davoli, Giancarlo Fisichella, ma anche Lorenzo Flaherty, Max Giusti, Carlo ed Enrico Vanzina e Pino Wilson. «Ci impegneremo - dicono con convinzione - a coinvolgere il maggior numero di persone nella raccolta di fondi destinati ai progetti di applicazione clinica». E sempre in favore di Telethon, domani sera alle 21 presso il teatro Olimpico, l’Accademia filarmonica romana inaugurerà la sua stagione concertistica con una serata di gala, dal titolo «Schubertiade».