In Campidoglio le città del vino per la «Selezione del sindaco»

Roma città del vino. È la proposta che il vicesindaco Maria Pia Garavaglia ha fatto qualche giorno fa in Campidoglio, ospitando i 90 sindaci di altrettanti comuni a forte vocazione vitivinicola e altrettanti produttori premiati nell’ambito del quinto concorso enologico internazionale «La selezione del sindaco», organizzato dall’associazione delle Città del vino e InComune Spa. «La capitale - ha detto il vicesindaco Maria Pia Garavaglia - si candida a ospitare di nuovo la Selezione dei vini delle piccole e medie aziende vitivinicole che, con la partecipazione a questa iniziativa, dimostrano un forte legame con le amministrazioni municipali». Un’idea che piace al presidente della Strada dei vini dei Castelli Romani Fabrizio Santarelli: «Il mio sforzo è portare ai Castelli i romani, in primis, e poi i grandi flussi turistici che ogni anno gravitano su Roma. E come presidente della strada dei Castelli romani sto predisponendo itinerari archeo-enogastronomici con tappe nelle principali cantine, ristoranti con menu locali, e luoghi di interesse culturale. Un modo pratico per aiutare i turisti a conoscere il territorio».
All’edizione 2006 della Selezione del Sindaco hanno partecipato 160 città del vino e 330 cantine: sono state premiate 90 città e 143 cantine. Per il Lazio sono state premiate tre aziende con la Medaglia d’Argento: Castel de Paolis di Grottaferrata, Fratelli Cavalieti di Genzano, Cantina Villa Gianna di Sabaudia.