Campidoglio, parte la sfida della Cdl

La novità delle prossime elezioni amministrative ha il nome di Alessandra Mussolini, leader di Azione sociale, che a sorpresa ha deciso di appoggiare la candidatura unica di Gianni Alemanno per la Cdl, ufficializzata ieri dopo dieci giorni di contatti con il leader di An. Insieme con lei, c’erano tutti gli aspiranti alla poltrona di sindaco per la Cdl, Mario Baccini per l’Udc, Alfredo Antoniozzi per Forza Italia, Mauro Cutrufo per la Dc, oltre, ovviamente a Gianni Alemanno che, in caso di vittoria, ha già tracciato i lineamenti della sua squadra: Antoniozzi vicesindaco, Cutrufo assessore alle Attività produttive, Mussolini ai Problemi dell’infanzia, della donna e della famiglia. A Baccini il compito di essere il punto di riferimento nazionale per il patto federativo della Cdl su Roma. Tra i punti prioritari del programma, l’abolizione dell’Ici sulla prima casa. Raggiunto l’accordo anche in provincia, restano da definire i candidati per i municipi.