Campidoglio Stanziati 1,5 milioni per sei stipendi

Via libera del consiglio comunale alla delibera che stanzia circa 1,5 milioni di euro in tre anni per gli stipendi del capo di gabinetto Sergio Gallo, del direttore dell’ufficio extradipartimentale «Coordinamento politiche per la sicurezza», di quattro unità di personale addetto all’ufficio stampa. La delibera è stata approvata con 28 voti favorevoli, 11 contrari e un astenuto, il consigliere comunale Antonino Torre (lista civica Alemanno). Nel dettaglio, sono stanziati 60mila euro per il 2008 e 270mila euro per le annualità 2009-2010 per i dirigenti dell’ufficio extradipartimentale «Coordinamento politiche per la sicurezza»; 42mila euro per il 2008 e 213mila euro per il 2009 per quattro unità dell’ufficio stampa (in questo caso l’annualità 2010 non è menzionata); e 81mila euro per il 2008 e 292mila per le annualità 2009-2010 per il nuovo capo di gabinetto del sindaco, Sergio Gallo. È quest’ultima voce quella più contestata dall’opposizione che con il consigliere comunale Gemma Azuni (Misto) ha definito «scandaloso lo stipendio corrisposto al capo di gabinetto. Qui la gente ha problemi a sbarcare il lunario e la maggior parte dei dipendenti capitolini non guadagna oltre i 1500 euro al mese. Questa delibera dimostra che la giunta Alemanno non presta attenzione ai reali bisogni dei cittadini romani». Il gruppo capitolino del Pd ha esposto cartello con su scritto «891 euro al giorno».