Un campionato che si tinge di giallo

Prima edizione di «Yellow league», sfida tra racconti con gironi a eliminazione

Igor Principe

Un colore per Milano? A chiederlo in giro, la risposta è scontata: il grigio. Colpa di un cielo che per troppi giorni all'anno diluisce lo spettro di tonalità in un monocorde pallore, sia esso afoso o gelido. Ma c'è chi la pensa all'opposto, e indovina la città nel chiarore acceso del giallo. Quello del risotto, piatto per eccellenza del menu meneghino. O quello di un romanzo, genere che a Milano, da Giorgio Scerbanenco a oggi, ha trovato di che nutrirsi.
A pensarla così, e non a caso, sono un editore, ExCogita, e i gestori della trattoria La Colonna, a due passi dal palazzo della Borsa. Insieme hanno dato vita alla prima edizione del premio letterario «Giallomilanese»: una specie di campionato del racconto («yellow league», secondo gli organizzatori) ispirato ai due temi che compongono il titolo del premio. Gli elaborati, che non dovranno superare le 8mila battute, dovranno infatti ispirarsi al «giallo», al «milanese» o a entrambi gli elementi. Paletti piuttosto ampi, che autorizzano a immaginare i concorrenti alle prese con storie di ogni tipo, imbastite sulla Milano di un tempo o d'oggi, sulla comunità cinese di Paolo Sarpi o sullo spauracchio economico targato Pechino, sul prodotto che più di tutti accomuna i due elementi, e cioè il succitato risotto.
Non solo commissari e omicidi, quindi, per un concorso che il 30 giugno chiude le possibilità di parteciparvi: i racconti, infatti, vanno inviati entro quella data alla casa editrice o alla trattoria. Tutti saranno pubblicati sul sito www.giallomilanese.it, dove già se ne contano una quarantina. Sedici di essi saranno poi selezionati da una giuria composta dalla redazione di ExCogita, da membri dei comitati di lettura che fanno capo all'editrice e da rappresentanti dello staff della Colonna. Chi passerà la prima scrematura, parteciperà poi al concorso, strutturato come la fase finale della Champion's league: un racconto contro l'altro in ottavi, quarti, semifinale e finale.
Si gioca da settembre a dicembre, di sera e tra i tavoli della suddetta trattoria, dove una giuria popolare costituita dai clienti ascolterà due racconti a sera decretando il vincitore del match, fino a proclamare quello assoluto.
Tutti i sedici ammessi al campionato saranno comunque pubblicati in un volume pubblicato, com'è ovvio, da ExCogita. Del vincitore sarà fatta opportuna menzione.
Informazioni: oltre al sito internet, ai numeri 02/34532152 e 02/861812.