Campioni d’Africa, esplode la festa egiziana

Quasi una rivincita per la comunità africana che vive in città: «occupare» la piazza più importante senza star sempre a guardare con un po’ d’invidia i milanesi esplodere con cori e caroselli per le vittorie della Nazionale, di Milan e Inter.
Ma dominare nel proprio continente e non riuscire mai, Italia ’90 a parte, a qualificarsi per il campionato Mondiale è la maledizione che da tanti anni perseguita i Faraoni dell’Egitto. Si rifanno almeno con la Coppa d’Africa, che hanno portato a casa per la terza volta consecutiva e la settima in totale.